Recentemente una pensionata partenopea si è rivolta allo studio Financelab per verificare le condizioni del proprio prestito personale contratto con la più grande società di credito al consumo d’Italia: in quell’occasione è apparsa fin da subito una criticità, ossia un costo del credito (TAEG/ISC) da noi calcolato superiore al tasso soglia solo dello 0,04%, quindi usurario ab origine (di pochissimo, ma usurario).

Messa al corrente la cliente e certi della bontà dei risultati si è deciso di comune accordo di avviare un procedimento di Accertamento Tecnico Preventivo (ATP) che, dopo una decina di mesi, ha portato al conferimento d’incarico di un CTU.

Durante l’incontro tecnico la controparte insisteva nel voler applicare le direttive di Banca d’Italia convinti di poter rientrare entro i limiti anti usura imposti dalla normativa, senza in realtà rendersi conto che i nostri conteggi erano proprio basati sul medesimo criterio e, pertanto, perfettamente coerenti con la richiesta di parte opposta.

C’è voluto poco più di un mese affinchè il CTU confermasse i nostri risultati, evidenziando come l’istituto avesse indebitamente percepito ben 20.000 € di interessi usurari.

Pensionata risarcita e grande pranzo di ringraziamento nell’incantevole città di Napoli.

Se desideri una valutazione seria e professionale dei tuoi rapporti bancari, una perizia tecnica o un consulente di parte di comprovata esperienza, contattaci senza impegno e sapremo fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.