Quante volte vi sarete chiesti cosa sono il T.A.N. e il T.A.E.G., e soprattutto quali sono le loro differenze; quel che è certo è che si tratta di tassi (di un prestito, di un mutuo, di un conto corrente, di un finanziamento per l’acquisto di un bene, etc.) utilizzati per esprimere delle informazioni differenti.

Iniziamo con due semplici definizioni:

Il T.A.N. (Tasso Annuo Nominale) è il tasso al quale vengono calcolati gli interessi di un’operazione finanziaria

Il T.A.E.G. (Tasso Effettivo Globale Annuo), invece, indica il costo totale di un’operazione finanziaria, espresso in termini percentuali

Consideriamo l’esempio di un finanziamento per l’acquisto di un’automobile del valore di 10.000 € in 36 mesi a tasso T.A.N. 0,00% e T.A.E.G. 2,50%

In questo caso, con il T.A.N. pari a zero, non viene prodotto alcun interesse, per cui si pagheranno 36 rate mensili da 277,78 € (36 rate x 277,78 € = 10.000 €).

Ogni finanziamento però ha tipicamente delle spese di apertura e gestione pratica (istruttoria, incasso delle singole rate, etc.), espresse in percentuale tramite il T.A.E.G.

Nel nostro caso, per calcolare un T.A.E.G. del 2,50%, abbiamo considerato 300 € di spese di istruttoria e 1,5 € di spese per l’incasso di ogni singola rata.

Per cui, acquistare l’auto a T.A.N. 0,00% con T.A.E.G. 2,50% significa che non si pagheranno interessi sulle rate, ma che vi saranno ugualmente delle spese da sostenere.

Volendo proporre un altro esempio, possiamo considerare un prestito di 10.000 € pagato in 12 rate al tasso (T.A.N.) dell’8%.

In questo caso verranno pagati interessi nell’arco di un anno pari a 438 €; ma qual’è il “peso” degli interessi rispetto al capitale prestato e, soprattutto, rispetto al tempo richiesto per la restituzione?

A questa domanda si può rispondere con il T.A.E.G. che, come abbiamo già visto, esprime proprio il costo complessivo dell’operazione finanziaria e che, nel caso specifico, avrà valore 9,95%.

E se si dovessero restituire 10.000 € all’8% in 2 sole rate mensili? In questo caso gli interessi pagati sarebbero “solo” 100 €, ma il costo dell’operazione finanziaria sarebbe molto più oneroso (è più impegnativo restituire 10.000 € + interessi in 2 mesi piuttosto che in 12 mesi): infatti, in quest’ultimo caso, il T.A.E.G. risulta pari a 26,58%!

Nella tabella seguente abbiamo proposto l’esempio del prestito di 10.000 € al tasso (T.A.N.) dell’8%, evidenziando la variazione del T.A.E.G. in base al numero di rate di rimborso:

Perciò, a parità di condizioni, più breve sarà il tempo richiesto per la restituzione del credito, più elevato sarà il T.A.E.G. (il costo dell’operazione finanziaria).

(Nell’effettuare i calcoli si è supposto che la prima rata dei pagamenti coincidesse con la data dell’erogazione del credito)

Se desideri una valutazione seria e professionale dei tuoi rapporti bancari, una perizia tecnica o un consulente di parte di comprovata esperienza, contattaci senza impegno e sapremo fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.